Lettera del Presidente dell’Associazione

Non ho conosciuto direttamente suor Maria Rosa, quando lei era in vita, eppure quando ci ha lasciato avrei dovuto rendermi conto, non essendo più un bambino, dei segni che questa creatura eccezionale aveva lasciato sul suo passaggio.
In casa mia infatti la sua vita e la sua capacità di soffrire in silenzio e di dedicarsi agli altri con gioia era ben conosciuta.
La mamma, che di cognome faceva Pellesi come lei e conosceva il grado di parentela della propria famiglia con quella della Bruna, era talmente consapevole della straordinarietà delle vicende che caratterizzavano la vita di suor Maria Rosa da considerarla SANTA anche quando era ancora in vita.
La mamma era devota e pregava molto ma non era bigotta e questa sua attenzione verso la vita di suor Maria Rosa, questo suo presagire per la suora un futuro di Santità mi lasciavano perplesso, tanto perplesso che con la morte, prima di Suor Maria Rosa (1974) poi della mamma (1983), mi sono completamente disinteressato di queste vicende, fin quando alcuni avvenimenti hanno evidenziato segni non trascurabili.

Nella primavera del 2006, un Sabato, mentre con le mie sorelle mi preparavo a prestare al papà gravemente infermo le cure dovute, arrivarono gli zii Fernando e Riccardina.
Il fatto non era eccezionale, in quanto di frequente gli zii venivano a trovare il papà infermo. Quella mattina però zia Riccardina aveva deciso di rivelarci un segreto, o meglio ancora di trasmetterci una preziosa informazione, per evitare che questa importante notizia si perdesse nelle nebbie dell’indifferenza.
Morano_bordosfocato_2Ci raccontò che Nino Pellesi, amico di famiglia e per certi aspetti anche benefattore, quando si recava da loro alla Caselletta, volgendo lo sguardo alla stanza che fungeva allora da cucina nella loro casa esclamava: “Lì è nata la Bruna! Proprio in quella stanza in cima alla scala”.
Questo per me ha chiarito tante cose; prima infatti non riuscivo a capire come e in quale casa fosse finito alla Caselletta questo ramo della famiglia Pellesi, originario di Serra di Morano.
Raccogliemmo l’informazione scritta con testimoni e la inviammo alla Madre Generale a Rimini.

Il secondo segnale nasce dall’incontro con le famiglie dei parenti diretti avvenuto la quarta Domenica di Agosto del 2009, a seguito della messa celebrata dall’ArciVescovo di Modena in onore della beata Maria Rosa. In quell’occasione mi avvicinò l’amico dott. Mauro Fantini, Sindaco del nostro comune, al quale mi ero rivolto auspicando che venissero assunte iniziative per far conoscere e celebrare la Beata Maria Rosa. Voleva presentarmi alcune delle nipoti di suor Maria Rosa, le quali sostenevano che non erano rimaste testimonianze attendibili su quale fosse la casa in cui aveva abitato la loro famiglia alla Caselletta.
Ci recammo insieme alla Caselletta e capii che, se fosse nato un progetto credibile, si poteva contare su di loro.

Il terzo segnale, non in ordine di importanza, si manifesta nell’apprendere, leggendo notizie riguardanti la beata Maria Rosa, che la chiusura della causa di beatificazione avviene esattamente il giorno del mio compleanno.
Mi sono sembrati segni troppo importanti per essere trascurati: segni che mi hanno aiutato a compiere riflessioni profonde.
Il Signore ha voluto concedere a questa piccola valle il dono di una creatura capace di intraprendere un cammino di SANTITA’ dedicandosi agli altri, senza lamentarsi delle proprie incredibili sofferenze.
Se in questa nostra piccola e insignificante comunità parrocchiale di Morano hanno potuto germogliare e maturare le radici cristiane e la fede della sua famiglia, è impensabile che noi possiamo restare indifferenti.

Da queste riflessioni è nata l’idea dell’associazione costituita con l’assemblea del 8 Novembre 2009 con lo scopo di “Favorire la conoscenza, la devozione e promuovere iniziative benefiche e solidali verso gli ammalati e i più deboli cui Suor Maria Rosa dedicò la propria esistenza”.
Il primo obiettivo che ci siamo dati è quello di mettere un segno di devozione nei luoghi dove ha vissuto la “BEATA”.
Parte in questi giorni la costruzione della cappella a “CASELLETTA di MORANO”, luogo di nascita.
Tutto è pronto anche per la costruzione di una “maestà” in località “CASA MEDIETTI”, dove la famiglia Pellesi si trasferì pochi giorni dopo la nascita della piccola Bruna.
Poi, se il Signore lo vorrà, con l’aiuto della Beata Maria Rosa andremo avanti, perseguendo gli scopi previsti dallo statuto.
Siamo già quasi 200. C’è posto per tutti: vi aspettiamo.

 

Benassi

Agostino Benassi
Presidente dell’associazione “Amici della Beata Maria Rosa Pellesi”

Annunci

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...